Riflessi dell’anima – Paolo Portoghesi

Proiezione documentario + Incontro

La Casa dell’Architettura presenta il documentario “Riflessi dell’anima – Paolo Portoghesi”, cogliendo così l’occasione per un incontro con l’architetto Portoghesi, per apprendere dalla sua voce quali siano le sue attività recenti, in campo progettuale (tra le quali ad es. la Moschea di Strasburgo) ed in quello storico-critico.

INVITO | LOCANDINA

martedì, 4 dicembre 2012 ore 17.00

saluti istituzionali
arch. Amedeo Schiattarella

presentazione del documentario “Riflessi dell’Anima – Paolo Portoghesi”
regia di Salvatore Liberti e Xavier Plágaro Mussard

proiezione del documentario

dibattito
– Prof. arch. Paolo Portoghesi,
– Prof. arch. Mario Pisani,
– arch. Alfonso Giancotti,
– arch. Amedeo Schiattarella

Il documentario è stato realizzato dalla Associazione Artifiction, in occasione degli 80 anni compiuti nel 2011 da Portoghesi e illustra la sua poetica, le sue ispirazioni e le sue aspirazioni artistiche ed intellettuali, attraverso le immagini e le riprese, spesso sorprendenti, dei suoi luoghi e di diverse tra le sue opere, ed un commento vocale costituito soltanto dalle sue stesse parole: quelle di alcune sue comunicazioni raccolte recentemente e quelle lette dalla speaker.

Il video descrive i “riflessi dell’anima”: le suggestioni intellettuali e poetiche e le istanze e con i relativi esiti artistico/architettonici. Di questi sono illustrate anche le ultime importanti realizzazioni.

L’audiovisivo descrive un percorso intellettuale che mostra una forte connessione tra natura, storia, architettura ed utopia, perseguita con coerenza sia attraverso i progetti che i contributi storico-critici. Esso non ha intenti biografici o la pretesa di compilare alcun elenco cronologico di opere né quella di confrontare i punti di vista che hanno animato il dibattito sull’architettura a cavallo del millennio e dei quali il Professor Portoghesi ha costituito da protagonista uno tra i vari poli vivacemente contrapposti. Mira invece a rendere accessibile ad un pubblico eterogeneo le ragioni di una ricerca, esaltandone le forti valenze estetiche.